Wednesday, April 17, 2024

La tesi di un professore di Stanford: “Gli alieni sono tra noi e ci studiano con droni e intelligenza artificiale”

Ha fondato otto aziende biotecnologiche ed è tra i primi 25 inventori a Stanford. Intervistato dalla rivista Vice, Nolan aveva dichiarato: «Se guardi una risonanza magnetica di qualcuno con la sclerosi multipla, vedi qualcosa che chiamiamo malattia della materia bianca. Una grande massa bianca, o più masse bianche, sparse in tutta la risonanza. È essenzialmente tessuto morto in cui il sistema immunitario ha attaccato il cervello.

Questa è probabilmente la cosa più simile che vedresti guardando un’istantanea di uno di questi individui. Si vede subito che c’è qualcosa che non va». Nolan afferma, infine, di conoscere persone che stanno portando avanti studi di reverse engineering su tecnologie UAP per decifrarne il funzionamento. Per sostenere queste sue affermazioni, Nolan cita due elementi.

Oggetti dallo strano comportamento, in grado di compiere manovre impossibili come andare «da 50 piedi sopra l’acqua fino a 14 miglia d’altezza e ritorno in meno di un secondo». La conclusione di Nolan è che avere anche un solo, piccolo pezzo di tecnologia rivoluzionerebbe la nostra società. 12 febbraio 2024. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *